venerdì 12 luglio 2013

RICORSO AL PREFETTO



PREFETTURA DI ________
Ricorso al Prefetto ex art. 203 d.lgs. 285/92
(avverso verbale n. ________ – avviso di accertamento n. ________ – del ________, ________)
Ill.mo Sig. Prefetto,
il sottoscritto, Sig. ________, nato a ________ il ________e residente in ________, formalmente espone quanto segue;

Premesso

- che veniva notificato al ricorrente il predetto verbale di preteso accertamento;
- che nel predetto verbale si asseriva che in data ________, ore ________in ________, ________, l’autovettura Smart targata ________ avrebbe ________;
- che la suddetta contestazione risulta totalmente illegittima ed infondata, anche per la non corrispondenza dell’infrazione contestata alla condotta di guida realmente tenuta dal conducente;
- che, inoltre, il sottoscritto ricorre avverso il provvedimento citato perché, nel verbale de quo, inoltre, non risulta neanche indicata l’“Autorità competente a decidere ove si proponga ricorso” così come espressamente previsto dall’art. 383 del Regolamento di esecuzione e di attuazione al Codice della Strada, dato normativamente previsto per la garanzia del diritto di difesa costituzionalmente garantito.
Tale indicazione non può certo ritenersi fornita, ed il relativo obbligo adempiuto, dalla generica dicitura riportata nel verbale, che testualmente recita: “l’interessato puó proporre ricorso al Giudice di Pace”. Non si specifica, infatti, dove si trovi il Giudice di Pace competente per territorio, circostanza ignota ai più.
La ratio della norma, del resto, è chiaramente quella di indicare al cittadino che intendesse ricorrere, l’Organo esatto a cui rivolgersi.
Tale omissione, a termini di legge, non può che comportare l’annullabilità e/o la nullità e/o l’invalidità del verbale stesso, oggi impugnato;
- che il ricorrente, con riferimento ai fatti sopra esposti, fa espressa richiesta di essere sentito.
Tutto ciò premesso il sottoscritto, ut supra, identificato e domiciliato;

Chiede

che l’Ill.mo Sig. Prefetto di ________, previa audizione personale dell’esponente ed in accoglimento del presente ricorso, voglia dichiarare inefficace e/o annullare il provvedimento impugnato ed emettere, ex art. 204, comma 1, ultima parte del Codice della Strada, ordinanza motivata di archiviazione atti.
Con Osservanza.
Roma, li ________                         
Sig. ________