martedì 23 ottobre 2012

CIRCOLAZIONE STRADALE: Concorso di colpa del traspostato



Secondo la Cassazione civile  sez. III del 12 ottobre 2012 n. 17407, è il conducente di un veicolo ad avere il preciso dovere, prima di iniziare o proseguire la marcia, di controllare che questa avvenga in conformità delle normali norme di prudenza o sicurezza. Tale affermazione, però, non esclude che si possa configurare una responsabilità anche del trasportato, ma solo qualora si dimostri che quest'ultimo abbia consapevolmente accettato i rischi della circolazione, perché è solo in tale ipotesi che si verifica un caso di cooperazione colposa del predetto nella condotta causativa del fatto evento dannoso (fattispecie relativa ad un sinistro mortale occorso ad una ragazza trasportata su un ciclomotore senza l'utilizzo del casco).